LE LEGGENDE VIVONO NEL CUORE DEI BAMBINI

"Ratto di Proserpina" di Luca Giordano

        Non sempre le leggende prendono spunto da fatti reali, storici, come non sempre le leggende sono il frutto della fantasia di un autore. Le leggende, le favole e gli stessi miti, sono l’essenza stessa della vita. Difatti si nutrono di vita e di coraggio. Viaggiano dentro la fantasia e le parole, tra i sospiri e la semplicità. Si scaldano tra i bivacchi dei mandriani, tra i falò dei senza tetto dove la parola "amico" riscalda le notti più fredde e le paure più antiche. Vivono nel cuore dei bambini, nei lettini dove si addormentano intrecciando pensieri e desideri con i colori dei sogni. Sopravvivono persino tra le macerie delle guerre e le tendopoli dei terremotati. Si fanno portavoce del dolore. Sono la bandiera di ogni popolo, lo spirito di sopravvivenza dei più deboli, la voglia di riscatto di ogni uomo offeso nella sua dignità. 

     Le leggende viaggiano sui mari, sulla terra, a dorso di cammello, tra le speranze dei fuggiaschi. Camminano sulla sabbia dei deserti dove le carovane avanzano con la lentezza del tempo di chi sopravvive. Ogni passo è una danza che avvicina al finale sempre uguale, sempre velato di stupore. Passo dopo passo si trasformano in sogno, come si trasformano le dune, le nuvole, gli uomini e le cose.

       Quando arrivano tra le pareti di casa, sono già mito, sono già storia, sangue e linfa della cultura di un popolo.