LA RICETTA DI PIERO

     Ho fotografato questa frase, scritta sul muro di un vecchio palazzo di Palermo, perchè ha pungolato la parte più romantica della mia fantasia. Dietro la dichiarazione di un imbrattatore di muri ho intravisto la storia d'amore di due studenti costretti a vivere in città, lontano dalle loro famiglie e dai loro luoghi d'origine. Per ovvie ragioni hanno scelto di abitare nelle adiacenze delle numerose Facoltà Universitarie site in Viale delle Scienze.

Considerando le moltissime case-pensioni condivise in quella zona dagli studenti provenienti dalla provincia, non mi è stato difficile immaginare un'intensa e tenera storia d'amore tra due giovani, interrotta dalle vacanze scolastiche e dai rientri in famiglia nei fine settimana.

Non mi è stato difficile percepire la loro inquietudine durante la momentanea lontananza. Il vandalo Piero denuncia pubblicamente la sua condizione di malessere e il metodo trovato per superarla indenne.

                                                   

      LA RICETTA DI PIERO

                                                               (Se penso a stare bene
                                                               mi vieni in mente tu
                                                               ti amo Piero)

Immagino che il Piero di questa storia
sentisse troppo freddo
quando la sua dolcissima lei
non gli copriva il cuore coi suoi baci
o non lo destava col solito sorriso
                                                      e il solito caffè

E penso che il Piero che m’invento
si sentisse maledettamente solo
quando lei si allontanava dal suo castello
per un giorno intero
                                            o per un solo attimo

Quella dolorosa solitudine
                                     lui la chiamava malattia

Giorno dopo giorno
Piero appassiva come foglia in autunno
quando lei tornava a farsi nuvola
                             nel suo paesino di montagna

La cercava nei suoi sogni
                   e spesso la trovava nei suoi incubi

Comprese
               che il desiderarla non gli bastava più

Aveva bisogno dei suoi occhi
                                               e del suo profumo

Aveva bisogno delle sue braccia
per non essere pulviscolo nel vento
                o frutto che traballa appeso al ramo

Quando sentiva urlare la memoria
Piero spalancava la porta del suo cuore
                                   e si rintanava tra i ricordi 

In un oceano di lacrime e di dubbi
cercava la sua isola e il suo Gange
                                  il suo fiume e la sua pace

Bastava pensarla
in quel profumo di pane fatto in casa
                  per sentirla pulsare nel suo sangue

Bastava pensarla
come nessun essere umano
aveva mai pansato alla sua donna
                             alla sua vita
                            alla sua storia
per sentire la lontananza svanire
                        tra i sapori acerbi dei suoi baci

La sua malattia sconfinava nell’assurdo

Quando comprese la forza del pensiero
Pietro volle condividere il segreto
                              che lo liberava dall’angoscia...
scrisse la ricetta miracolosa
in un muro della sua Palermo
                      e lentamente riprese a respirare

L’ansia svaniva
                      sulla scogliera della sua ragione

Piero non sentiva più l’anima strapparsi
quando la regina del suo tempo partiva
per il suo piccolo mondo di provincia
e lo lasciava solo con il gatto
                              tra i suoi libri
                              col gelsomino da innaffiare

Continuava a cercarla
nei suoi pensieri di goliarda
        e per incanto la incontrava tra i ricordi
                                                        tra i sospiri
                                                        tra le braccia

Nei giorni più grigi si chiedeva
                  di quale malattia soffrisse il cuore

Piero non sapeva
che la sua malattia non fosse così rara
e si chiamasse amore...
                                      semplicemente amore.